Agesci Emilia Romanga

Home » Succede in Regione

Convegno Capi – 26 gennaio 2014 SPOSTATO A CESENA

20 dicembre 2013 9 Commenti

CONVEGNO CAPI:
“IL CORAGGIO DI AMARE: IO, TU, NOI”

(26 gennaio 2014)

Programma del Convegno
Ritrovo presso CESENA FIERA VIA DISMANO 3845
(Qui vedi mappa)
Ore 7.30-8.30 Accoglienza e iscrizioni
Ore 9.00 Inizio convegno (lavoro divisi per branche+capi gruppo)
Ore 14.00 Concerto: Percorriamo le Strade di coraggio accompagnati da Fabio Caon, docente di lingue, collaboratore della Rete Educatori di Strada del Comune di Venezia, cantautore.
Ore 16.30 Santa Messa
Quota 5 euro – Pranzo al sacco

ARRIVO
Chiediamo a tutti i capi e ai clan delle zone più vicine (Cesena, Rimini, Forlì, Ravenna, Imola) e a chi si troverà già a Cesena da sabato (ad esempio i clan della zona di Piacenza), di arrivare in fiera al mattino presto, alle 7.30 e non oltre le 8.00.
A tutti gli altri, più lontani, di arrivare dalle 8.00 ed entro le 8.30.
Vi chiediamo di rispettare questi orari per evitare un ingolfamento ingestibile in fase di iscrizione.

Per i Clan: In fase di iscrizione chiediamo a un solo capo per ogni clan di recarsi subito al banchetto delle iscrizioni per comunicare il numero dei partecipanti del proprio clan (capi+ragazzi), e consegnare la quota di iscrizione e ricevere le istruzioni.

Le iscrizioni dei capi LC-EG-Capi Gruppo e dei clan avverranno in due postazioni diverse.

Per chi arriverà in treno ecco gli orari dei mezzi pubblici

Per chi arriva in auto, pulmini o pullman i parcheggi sono i seguenti: – l’ingresso per la Branca R/S è da Viale del Commercio / l’ingresso dei Capi è da Via Dismano 3845

OCCORRENTE:  Consigliamo a tutti (capi e ragazzi) di portarsi un cuscino per sedersi / Pranzo al sacco

SS.MESSA:  Gli AE che parteciperanno al Convegno/Forum e che desiderano concelebrare, devono portare Camice, Stola e una o più pissidi. I Ministri Straordinari dell’Eucarestia sono pregati di comunicare la loro disponibilità, arrivando all’altare prima della SS.Messa.

CONCLUSIONE E PARTENZA
Durante la plenaria e la SS Messa vi faremo sedere suddivisi per zona, in modo da potervi far defluire dalla fiera in maniera ordinata a partire dalle zone con il viaggio di ritorno più lungo.

IL TEMA
Coraggio, una parola che corre sulle nostre bocche e nel nostro cuore da un po’ di tempo, coinvolgendo in una rete capi e ragazzi.
Una parola che per noi ha la sua anima nella legge: lo scout e la guida sorridono e cantano anche nelle difficoltà.
E questo diventa tanto più vero nella quotidianità del nostro tempo…coraggio declinato nel bene e nel male, nelle buone o cattive azioni.
… quando spesso se ne ha notizia nel male.
A noi oggi piace vederlo nel bene: il coraggio di assumersi le proprie responsabilità, avere il coraggio delle proprie opinioni, delle proprie azioni.
Coraggio! Un’esortazione a non perdersi d’animo, a resistere, a perseverare o anche semplicemente a dire o fare.
Una parola che ha la sua radice etimologica in “cuore”, il centro della vita spirituale e affettiva dell’uomo.
E il cuore ci mette in relazione, una relazione che chiede a ciascuno di mettersi faccia a faccia col tu.
Camminare insieme impone di guardare l’altro col cuore e dire anche tu sei parte di me. E questo è uno sguardo guidato dall’amore per l’altro che porta ad avere uno sguardo al plurale: noi!
Così ci guida il Progetto Regionale là dove si propone di sostenere le Co.Ca nel testimoniare modelli di relazione fondati sul Patto Associativo, di sostenere i capi nella loro formazione al fine di favorire stili di vita e progettualità nelle relazioni, verso un amore fedele e fecondo radicato in Cristo.

Al convegno ci vedremo impegnati nella mattinata per branca :

  • L/C Come vivono i bambini la loro affettività? Come noi capi possiamo accompagnarli nel loro cammino di relazione? Attraverso quali attenzioni e strumenti il nostro metodo ci sostiene in questo compito? A queste domande proveremo a rispondere insieme confrontandoci prima con M.Ornella Fulvio, psicologa, formatrice e capo scout, e poi in gruppi con l’aiuto dei nostri incaricati di zona e formatori regionali. I gruppi lavoreranno sul Gioco, sulla Vita Comunitaria e sulla Progressione Personale ponendo particolare attenzione alle “diverse età” presenti in branco/cerchio.
  • E/G Inizieremo il nostro incontro con l’intervento della prof.ssa Maria Teresa Moscato (docente di Pedagogia Generale presso l’Università di Bologna) a cui abbiamo chiesto di parlarci di Identità di genere (cosa vuol dire essere uomo e donna oggi e come lo vive l’adolescente, in un’ottica di accoglienza dell’altro) e di quale immagine hanno i ragazzi dell’amore (quali segnali emergono e le difficoltà nell’educare all’amore). Proseguiremo dividendoci in gruppi per approfondire tali tematiche dal punto di vista metodologico; i gruppi saranno:
    • Dono e gratuità (Squadriglia, Capo sq., incarichi di sq. e posti d’azione)
    • Affettività (educare all’amore mirato all’età dei ragazzi e alla loro identità di genere, Alta Squadriglia)
    • Coeducazione (Capo Sq.), Una proposta accattivante per i maschi e le femmine (Specialità di Sq., progressione personale differenziata)
    • Diarchia (Rapporto capo-ragazzo)
    • Identità di genere (Gioco).

All’interno di ciascun gruppo si cercherà di: far vivere un’esperienza ai capi, stimolare un confronto sull’argomento, riportare le proprie esperienze.

  • R/S Per trasformare il coraggio in strada di futuro al Forum verrà presentato il percorso della Carta del Coraggio, strumento che prevede un ascolto e una lettura dei bisogni di cambiamento all’interno di relazioni e progetti per la propria vita di ogni singolo ragazzo. La mattina comprende due momenti fondamentali: nel primo i ragazzi sono liberi di muoversi tra le “strade del coraggio” organizzate da ogni clan con quello che è stato visto, incontrato e ascoltato nella prima fase del capitolo. Nel secondo momento viene data ad ogni singolo rover e scolta la possibilità di confrontarsi sulla strada di coraggio scelta dalla propria comunità per individuare temi emergenti, posizioni e orientamenti di altri clan.
  • Capi Gruppo: il progetto Pit Stop Co.Ca. quest’anno porta a chiederci quali relazioni, di che qualità e con quale stile, vogliamo costruire nelle Comunità Capi. Il coraggio di incontrarsi, di accettarsi, di condividere una responsabilità, di richiamarsi, per poter dire nel nostro agire: noi insieme! Il cammino iniziato all’uscita Capi Gruppo continuerà e saremo accompagnati a scoprire, nel ruolo in cui prestiamo servizio, la nostra responsabilità e abilità di saggi tessitori di relazioni. Ci guideranno Marialisa Ermini e Walter Chiani.
    Marialisa Ermini, per noi scout Misa, è medico pediatra e psicoterapeuta. In Agesci ha svolto servizio in ogni branca e da ultimo è stata responsabile regionale della Toscana. Ora non è più censita, ma vive l’Associazione come genitore e nelle occasioni in cui per amicizia, affetto e stima viene coinvolta per la sua esperienza professionale in momenti di formazione capi.
    Walter Chiani è sociologo, dirigente del settore servizi alla persona del Comune di Riccione.

Nel pomeriggio:

Capi, Rover e Scolte: percorriamo le Strade di coraggio accompagnati da Fabio Caon, docente, collaboratore della Rete Educatori di Strada del Comune di Venezia, cantautore. Capi al Convegno, Rover e Scolte al Forum, passo di avvicinamento alla Route, ciascuno a fare la propria parte per poi ritrovarsi a condividere una parte del cammino.
Insieme perché se è vero che questa Route è di tutta l’Associazione, come ci stiamo dicendo da un anno, con gioia i Capi dell’Emilia Romagna diranno il buona strada ai loro rover, scolte, novizi e novizie.

Vi aspettiamo!
Fraternamente,
Betty, Andrea, Don Stefano
(Responsabili Regionali e Assistente Agesci Emilia Romagna)

I libri che ti consigliamo

9 commenti »

  • Marcello said:

    Spero che l’organizzazione a livello nazionale sia migliore. Me lo auguro per tutti i clan che parteciperanno alla Route Nazionale

  • Stampa said:

    Ci siamo trovati a gestire problemi inaspettati legati alla superficialità e non professionalità dell’interlocutore con cui avevamo già stretto accordi da tempo per cui abbiamo avuto il coraggio di scaricarli e trovare un’altra soluzione. A livello regionale ci si farà carico di eventuali spese di penali o biglieti inutilizzabili già acquistati. Non è stata una scelta semplice. Puoi comunque chiedere e giustamnte pretendere spiegazioni dai tuoi responsabili di zona ai quali saranno spiegati tutti i dettagli. Estote parati è anche un po’ questo.

  • Mauro said:

    Comodo Cesena… proprio al centro della Regione. Io non ricordo eventi regionali più a ovest di Modena, però Cesena, Ravenna, Imola, Ferrara… sono notoriamente al CENTRO della regione (soprattutto Cesena). Chiedo 2 cose (per sapere, non per fare polemica): 1) nel momento dell’emergenza è stata cercata una soluzione più al centro della regione? (es. fiere di Reggio Emilia o fiere di Modena) 2) se le fiere di Piacenza o di Parma avessero detto di sì, si sarebbe fatto lì, o si sarebbe obiettato che è troppo poco baricentrico? Grazie

  • Riccardo said:

    Ciao! Qualcuno sa dirmi se ci sarà la possibilità di parcheggiare un camper nel parcheggio dell’expo da sabato sera a domenica? Grazie

  • Webmaster (author) said:

    Ciao, si per il solo parcheggio del camper c’è posto.

  • gabriella said:

    il coraggio ci viene chiesto con forza oggi,
    ci vuole coraggio a rinunciare a qualche idea personale per costruirne una comune,coraggio per comunicare uno spirito positivo quando è facile criticare, coraggio per continuare a fare quando sappiamo che comunque a qualcuno non andrà bene,
    è bello avere un giorno intero per pensarci su, insieme

  • Johnny said:

    Credo ci sia un typo: dovrebbe essere Valter Chiani invece di Walter Chiani.

  • Marco said:

    Sono d’accordo con te Gabriella.
    E anzi, io posso solo immaginare la confusione che voi abbiate dovuto gestire in questi giorni nel dover “spostare” un evento di queste dimensioni in così poco tempo, percui avete le mia stima e gratitudine… chiunque sa come capo quanto possa essere complesso organizzare un uscita per tempo anche solo per 40 ragazzi provenienti dal tuo quartiere… moltiplicare il tutto per una regione dovrebbe far capire che certe volte siamo anche fin troppo polemici nei confronti di chi per servizio sceglie di impegnarsi in questo mettendoci tutta la sua buona volontà.

  • bruno said:

    giornata fantastica i gruppi di lavoro alla mattina piu il pomeriggio con fabio caon gran bella organizzazione complimenti kaa roncofreddo 1